Perchè certificare Halal?

La certificazione Halal garantisce dei benefici per le aziende e per i consumatori.
Ed è un'ottima opportunità per incrementare il proprio business

 

BENEFICI PER LE AZIENDE

La certificazione HIA permette di entrare in contatto oltre 25 milioni di nuovi consumatori in Europa e oltre 1,9 miliardi di nuovi consumatori nel mondo.

Halal International Authority offre servizi di orientamento, consulenza e formazione per il mercato halal.

Halal International Authority certifica tutta la Supply Chain delle filiere produttive e dei servizi dal produttore al consumatore, dalla materia prima al prodotto finito, dalla preparazione alla trasformazione, dallo stoccaggio alla logistica, dal trasporto alla distribuzione, dalla somministrazione alla vendita.

Halal International Authority fornisce su richiesta consulenza e formazione d’eccellenza sulla progettazione, sull’implementazione e sul controllo di Sistemi Integrati di Gestione della Qualità Halal (Halal Integrated Quality Management Systems) e di Sistemi Integrati di Garanzia della Qualità Halal (Halal Integrated Quality Assurance Systems) per la gestione e per la garanzia della qualità che includano o integrino la conformità ai sistemi di qualità QMS’s, ISO e HACCP.

Affinché un prodotto possa essere ritenuto Halal, non deve assolutamente venire a contatto con merci che non rispettano i dettami della Dottrina Islamica. Per questa ragione l’ HIA certifica le piattaforme logistiche nei porti, negli interporti e negli aeroporti, compresa la certificazione Halal dei mezzi di trasporto sia che si tratti di trasporto di tipo terrestre, marittimo o aereo.

 

GARANZIE PER I CONSUMATORI

Il marchio ‘HIA’ garantisce che un determinato prodotto o servizio, è certificato Halal, ovvero che l’intero processo di realizzazione o produzione è avvenuto nel rispetto degli standard Islamici.

Questo prodotto è Halal?

Halal (حلال, Halal, Halaal) è una parola araba tratta dalla Sharia’a (dottrina Islamica) che significa lecito o permesso.

In materia di alimentazione (food and nutrition products), igiene (hygiene products) e salute (health products), affermare che un prodotto è Halal o che un’azione è Halal significa che è conforme alle norme etiche ed igienico-sanitarie, della legge e della dottrina dell’Islam, ossia della Sharia’a.
La Certificazione Halal riguarda i prodotti delle filiere agroalimentari, dei cosmetici, dei prodotti chimici e farmaceutici, dei prodotti per la cura del corpo e della salute, i processi industriali, di trasformazione, compreso la certificazione del packaging.

Per ottenere la Certificazione Halal di un prodotto o di un servizio, bisogna certificare come Halal tutta la catena del valore (value chain) coinvolta nella sua produzione. La Certificazione Halal comprende la Certificazione Halal dei sistemi di controllo della qualità (Quality Control) e di tutte le fasi di approvvigionamento delle materie prime, delle fasi e i processi di trasformazione, della logistica interna e di stoccaggio, del trasporto interno ed esterno, fino al raggiungimento della destinazione.

La Certificazione Halal coinvolge anche i metodi ed i sistemi di approvvigionamento di mezzi finanziari e di responsabilità sociale.
Possono ottenere Certificazione Halal anche i servizi commerciali ed i canali di vendita, compreso la grande distribuzione, i punti vendita e gli esercizi di somministrazione.

 

Schemi internazionali di certificazione Halal

HIA certifica Halal in conformità con gli Standard Halal internazionali come:

LP-POM MUI Indonesia (The Indonesian Council of Ulama) Standard

  1. HAS 23000 : Requirements of Halal Certification
  2. HAS 23103 : Guidelines of Halal Assurance System Criteria of Slaughterhouses
  3. HAS 23201 : Requirements of Halal Food Material

JAKIM (Department of Islamic Development Malaysia) Malaysia Standard (MS)

  1. MS 2300, Value-based management systems – Requirements from an Islamic perspective
  2. MS 1900, Quality management systems – Requirements from Islamic perspectives
  3. MS 1500, Halal food – Production, preparation, handling and storage – General guidelines
  4. MS 2400, Halalan-Toyyiban assurance pipeline – part 1: management system requirements for transportation of goods and/or cargo chain services
  5. MS 2400, Halalan-Toyyiban assurance pipeline – part 2: management system requirements for warehousing and related activities
  6. MS 2400, Halalan-Toyyiban assurance pipeline – part 3: management system requirements for retailing
  7. MS 2424, Halal pharmaceuticals – General guidelines

GCC Standardization Organization (GSO) (United Arab Emirates)

  1. GSO 993: Animal slaughtering requirements according to Islamic law.
  2. GSO 2055-1: Halal foods_ Part 1: General requirements.
  3. GSO 2055-2: Halal foods_ Part 2: Guidelines for Halal foods certification bodies. 2.4 GSO /CAC/RCP
  4. Scheme of hygienic practice for meat.
  5. GSO 1694: General Principles of Food Hygiene.
  6. GSO 9: Labelling Of Prepackaged Foodstuffs

MUIS Singapore (The Islamic Religious Council of Singapore

  1. MUIS-HC-S001 General Guidelines for the Handling and Processing of Halal Food

 

Utilizzo del Certificato e del Marchio di conformità

La concessione d’uso del MARCHIO di certificazione HIA, secondo i criteri di cui alla presente Procedura, è rilasciata ai soggetti che hanno completato positivamente l’iter di certificazione. Fatto salvo quanto specificamente previsto nei Regolamenti di HIA relativi ai singoli servizi erogati o in altra normativa applicabile, l’utilizzo dei MARCHIO HIA dovrà essere riferito esclusivamente ai servizi, ai prodotti o agli aspetti gestionali interessati dalle verifiche effettuate da HIA medesimo ed a cui attengono le certificazioni di conformità rilasciate da HIA.

L’Organizzazione che ha completato positivamente l’iter di certificazione è autorizzata ad utilizzare il MARCHIO HIA di certificazione su documenti/supporti quali ad esempio: materiale pubblicitario, pubblicazioni, presentazioni, carta intestata, biglietti da visita, siti web, fatture, DDT, cartelli e insegne dell’Organizzazione, mezzi e veicoli aziendali alle condizioni riportate di seguito (salvo eventuali modifiche da concordare preventivamente con HIA). Ogni utilizzo non espressamente previsto dai Regolamenti HIA relativi ai singoli servizi, dai contratti o da altra normativa applicabile, deve essere preventivamente autorizzato per iscritto da HIA.

Nel caso di utilizzo del MARCHIO HIA di certificazione su siti web è possibile riportare il link al sito di HIA.

I MARCHI HIA relativi a certificazioni di prodotto possono essere utilizzati dai soggetti che hanno ottenuto la certificazione da parte di HIA medesimo che fornisce all’Organizzazione un modello del MARCHIO HIA e le relative caratteristiche.

Ogni tipo di riproduzione che l’Organizzazione oggetto di certificazione intenda apporre su prodotti, documentazione commerciale, etichette, imballaggi etc. deve essere sottoposta a preventiva approvazione da parte di HIA.

La pubblicità deve essere veritiera e non deve poter dar luogo a dubbi o false interpretazioni sul tipo, la categoria, le caratteristiche e le prestazioni dei prodotti interessati. Deve inoltre essere redatta in modo da evitare malintesi tra prodotti marcati e non marcati e l’Organizzazione deve evitare che la certificazione possa intendersi estesa a prodotti non rientranti tra quelli coperti dalla certificazione rilasciata da HIA.

La riproduzione del Marchio deve rispettare dimensione minima e colori indicati dal manuale d’uso (allegato A alla presente procedura).

Le Organizzazioni possono fare uso della certificazione o dei MARCHI HIA su documenti e prodotti certificati solo per il periodo di validità delle certificazioni di conformità rilasciate da HIA.

Per certificazione di prodotto, il soggetto certificato al quale sia stata sospesa la certificazione deve immediatamente sospendere l’utilizzo del MARCHIO di certificazione HIA su tutti i documenti / supporti / siti sui quali esso era stato apposto e per tutto il periodo di sospensione della certificazione stessa.

L’Organizzazione certificata alla quale sia stata revocata la certificazione deve cessare definitivamente l’utilizzo del MARCHIO HIA in qualsivoglia forma e sede.

Nel caso di revoca della certificazione relativamente ad un determinato schema, HIA comunica per iscritto all’Organizzazione che il MARCHIO HIA di certificazione non potrà essere utilizzato in nessuna delle forme e sedi consentite dal presente Regolamento (prodotti, confezioni, imballaggi, beni mobili ed immobili, carta da lettera, documentazione tecnica, commerciale, pubblicitaria, ecc.).

Nel caso di certificazione di prodotto, qualora la stessa risulti sospesa o revocata ed il produttore debba smaltire prodotti a magazzino sui quali sia già stato apposto il MARCHIO HIA, è consentito che i prodotti fabbricati durante il periodo di validità della certificazione vengano commercializzati fino ad esaurimento scorte.

Il formato, i colori e le dimensioni da rispettare per i MARCHI da applicare sono descritti nel “Manuale d’ uso”. I vari MARCHI HIA di certificazione vengono inviati all’inizio dell’iter di certificazione da HIA all’organizzazione in  formato digitale PDF.

Le violazioni al presente Regolamento, da parte dei soggetti certificati, ove applicabile, saranno sanzionate da HIA con l’adozione, dei seguenti provvedimenti:

  • Richiamo scritto con richiesta di adozione dei necessari trattamenti e azioni correttive;
  • In caso di mancata o inadeguata attuazione dei trattamenti e/o azioni correttive e/o di perseveranza nell’errore: sospensione della certificazione in possesso dell’Organizzazione certificata, per un periodo la cui durata sarà commisurata alla gravità della situazione di inadempienza;
  • In caso di perdurante inadempienza e/o reiterazione delle violazioni oltre il termine del periodo di sospensione: revoca della certificazione.
  • In caso di perdurante inadempienza e/o reiterazione delle violazioni oltre il termine del periodo prestabilito dopo la revoca: azioni legali e comunicazioni pubbliche da diramare nei circuiti nazionali ed internazionali.

Se HIA dovesse trovare, durante gli audit, o tramite ricerche, oppure in altro modo che:

  • un’organizzazione non certificata utilizza il MARCHIO HIA o un certificato HIA
  • un’organizzazione certificata ha probabilmente violato le disposizioni di HIA in merito all’uso del MARCHIO HIA
  • un’organizzazione certificata pubblicizza le proprie sedi, prodotti e servizi in modo da far pensare che siano tutti certificati, e non lo sono

l’Alta Direzione ha l’autorità di richiedere le azioni correttive in accordo alla relativa procedura.

HIA avvia immediatamente le procedure per l’azione correttiva quando scopre una pubblicità scorretta della certificazione o un abuso del MARCHIO HIA.

Le organizzazioni non certificate che vengono colte ad utilizzare il MARCHIO HIA, comprese le ex organizzazioni certificate, riceveranno un avviso scritto, mediante raccomandata con ricevuta di ritorno o mezzi similari affinché cessino e desistano dalla pubblicità scorretta della certificazione o da un utilizzo improprio dei certificati, loghi e/o marchi, entro un termine di scadenza specifico per il tacito consenso. Se l’abuso dovesse continuare, l’Alta Direzione riporterà la questione al referente legale competente affinché dia avvio a un’azione legale.

Le organizzazioni certificate che infrangono le disposizioni di HIA relative alla pubblicità della certificazione ricevono istruzioni per iscritto per implementare efficacemente e in modo proficuo l’azione correttiva. Tali istruzioni saranno contenute nel Rapporto di Non Conformità o verranno fornite mediante mail o comunque con altri mezzi. 

HIA adotta tutte le misure necessarie per valutare la conformità con i relativi standard di prodotto Halal in base ai requisiti del sistema specifico di certificazione del prodotto Halal. HIA elaborerà un piano annuale per i requisiti di campionamento, di collaudo e di ispezione che costituiscono la base per il sistema di certificazione Halal applicabile.